info@geometragabriellamarengo.com

La dichiarazione di successione ereditaria

La successione ereditaria si apre al momento della morte: gli eredi, i legatari, i tutori, i curatori dell’eredità o gli esecutori testamentari, che saranno immessi nel possesso dei  beni del defunto, sono tenuti a presentare la dichiarazione di successione, entro un anno dalla data del decesso all’Agenzia delle Entrate  competente, in base all’ultima residenza del deceduto.
Sono esonerati dalla presentazione il coniuge o i parenti in linea retta se la successione non comprende beni immobili e diritti reali immobiliari,  se il valore globale dell’asse ereditario non supera i 100.000 euro.
Al momento è già attiva la nuova procedura di Presentazione Online della successione (diventerà esclusiva ed obbligatoria dal 2019).

LE IMPOSTE E LA TASSA DI SUCCESSIONE
Le imposte sulle successioni riguardano tutti i beni ed i diritti trasferiti per causa di morte e sono dovute dagli eredi, dai legatari, dai beneficiari e da altri eventuali chiamati all’eredità. Gli eredi sono tenuti in solido al pagamento dell’intera imposta, mentre i legatari sono tenuti al pagamento dell’imposta solo per la loro quota.
La tassa varia per aliquote, in base al grado di parentela:  attualmente, i coniugi ed i parenti in linea retta sono esentati dal pagamento della tassa di successione, se il valore dei beni ereditati non supera il 1.000.000 di euro.
A questa si aggiungono le imposte ipotecaria e catastale, rispettivamente 2% e 1% del valore dei beni ( a meno che non riguardino immobili adibiti a “prime case”, nella cui ipotesi si verserà solo il minimo di entrambe).

LA VOLTURA CATASTALE
Se nell’eredità ci sono immobili (terreni e fabbricati), entro i 30 giorni successivi alla presentazione della dichiarazione, deve essere presentata agli uffici del catasto la richiesta di voltura. La voltura ha la funzione di aggiornamento dei dati catastali, sia riguardo ai soggetti proprietari sia riguardo alla misura del possesso.
Con la nuova procedura di presentazione online della successione, la voltura può essere automatica.
 
DOCUMENTAZIONE PRELIMINARE
I documenti da inoltrare sono:
- Testamento, se presente;
- Copia delle carte di identità e dei codici fiscali del defunto e degli eredi;
- Autocertificazione del decesso, da parte dell’erede;
- Autocertificazioni dello stato di famiglia degli eredi;
- Eventuale documentazione delle passività (debiti del defunto, spese funerarie…) e della situazione bancaria;
- Visure catastali recenti di terreni e fabbricati che entrano nella successione (acquisite online dal nostro studio).
 
SERVIZI OFFERTI DAL NOSTRO STUDIO:
° Raccolta della documentazione necessaria ed assistenza per la pubblicazione dell’eventuale testamento presso un notaio di fiducia.
° Preparazione e compilazione della dichiarazione di successione (per beni immobili, ratei maturati e non riscossi, rimborsi IRPEF….) e delle volture catastali, e presentazione della pratica all’Agenzia delle Entrate, già secondo la nuova procedura online, che rende l’operazione più  agevole, sicura e conveniente.
° Predisposizione e presentazione al Catasto della richiesta relativa al ricongiungimento di usufrutto, in caso di decesso dell’usufruttuario.